Il Mondo di Cristina mani colorate

Pubblicato il dicembre 14th, 2012 | di Il Mondo Di Cristina

0

Lo sviluppo del disegno nel corso del tempo

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Il disegno è la forma di espressione più antica.  Gli uomini primitivi, nelle loro prime abitazioni, le caverne, sentivano l’esigenza di esprimere la loro quotidianità cercando di fissarla con un immagine.

E’ stupefacente come l’arte, ancora  completamente sconosciuta, facesse già parte di loro così istintivamente.

La storia, poi, ci insegna come le raffigurazioni dei disegni si siano sviluppate e insinuate nella nostra vita di tutti i giorni; simboli araldici per le casate dei nobili, iconografie religiose, simboli politici, le decorazioni che accompagnavano i testi antichi etc.. fino ad arrivare ai giorni nostri usando le icone sui programmi di informatica per semplificarne il loro uso.

Già nell’arcaica età romana, la plebe, per manifestare contro i soprusi e la politica, usava esprimere il suo malcontento tramite dei disegni sui muri, che possiamo correlare ai nostri moderni graffiti; per non parlare poi degli antichi Egizi che  basavano la loro scrittura esclusivamente su delle effigi, meglio conosciute come geroglifici.

La comunicazione, dunque,  per mezzo del  disegno, risiede in noi  quasi “geneticamente” e si manifesta  nel  bambino, già in tenera età ,che tramite linee, punti e cerchi, racconta la sua visione del mondo.

Il disegno infantile è  una  tra le tante  chiavi di lettura usata  per comprendere la  felicità, i disagi ed altri stati d’animo; queste figurazioni  vengono interpretate da persone qualificate che ,privatamente o nelle scuole, intervengono come figure di sostegno.

I bambini essendo semplici e  puri usano i colori per esprimere se stessi in maniera vivace e naturale;  se  percepiscono  che l’adulto non comprende la loro opera  rimangono perplessi, poiché  essi  vedono la loro espressione emotiva  chiara e definita.

mani colorate Le tecniche di pittura usate dal bambino si possono suddividere a seconda della fascia d’età.

Nei primi anni viene privilegiata la stimolazione del tatto facendo intingere le manine e i piedini direttamente nel colore per poi far stampare  le impronte su diversi materiali (ad es. carta, vetro, muri, etc..).

Successivamente, quando il bambino acquisisce manualità,  si passa all’utilizzo di altri generi di colori : pastelli a cera, matite colorate, pennarelli , tempere e acquerelli.

In conclusione è fondamentale  lasciare che il bambino  possa esprimere a pieno la sua creatività (tema  già affrontato precedentemente) ,che aiuta non solo lui , ma anche l’adulto che in un certo senso ha dimenticato il mondo dell’infanzia  dando per scontato ogni sua sfaccettatura .

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS


Tags: , , ,


Informazioni Autore

Il Mondo Di Cristina

L’Associazione culturale no profit “Il Mondo Di Cristina”, fondata da  Ravarotto  Federica, Ravarotto Loredana e Debora Fasan, nasce dall’esigenza di trasmettere l’arte, in ogni sua forma, ai bambini. Attualmente vengono proposte attività di vario genere : dal “truccabimbi” all’intrattenimento ludico tramite baby-dance, giochi e palloncini, ai vari servizi fotografici. Cristina, da cui l’Associazione ha preso il nome, è un’amica comune, purtroppo mancata, che racchiudeva in sé l’arte nella sua completezza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑