Educazione edutainment

Pubblicato il Dicembre 5th, 2012 | di Michele Patella

0

Edutainment, significato e software

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

edutainment softwareDefinizione e Storia Edutainment

L’edutainment nasce con Bob Heyman, documentarista di National Geographic, dalla chiasi di Educazione (Education) e Divertimento (Entertainment).
Edutainment significa quindi divertimento istruttivo

Gli ambiti in cui esso viene impiegato sono molteplici, quello di cui tratteremo da oggi e per qualche settimana è riferito ai software educativi.

Software Edutainment

Nel panorama digitale i videogiochi hanno sempre rappresentato lo stato dell’arte delle tecnologie, in grado di sfruttare appieno l’hardware grafico e talvolta di condizionarne lo sviluppo, non sempre il fine è stato però quello educativo, anzi spesso sono stati oggetto di critiche feroci da parte di pedagogisti e sociologi. La selezione che presenteremo oggi decisamente si differenzia da questi ultimi.

Alcuni dei migliori progetti (educativi) sono nati e si sono sviluppati nell’ambito opensource (programmi aperti alle modifiche ed alla condivisione di tutti) tra quelli che analizzeremo ci sono:

Pacchetto Tux4Kids con:

  • Tux Paint, pensato per il disegno, con una vasta gamma di opportunità grafiche intriganti per i bambini…e non solo!
  • Tux Maths, un gioco stellare! Creato sulla base di asteroids allena ad eseguire calcoli a mente in tempi brevi.
  • Tux Typing 2 utile per sviluppare la scrittura e l’alfabeto.

Pacchetto Gcompris, un insieme di oltre 70 applicazioni a partire dall’uso del computer approdando poi a giochi di geografia, matematica, scienze. Tra gli altri sono presenti giochi di memoria, scacchi e lettura veloce.

Pacchetto ChildsPlay dedicato ai bambini fino ai 7 anni che comprende giochi divertenti di approccio al computer, aiutando a sviluppare la coordinazione occhio/mano. Alcuni esempi sono i giochi pensati per migliorare la confidenza con il mouse: puzzle, memory e acquari virtuali dove catturare pesci sempre più veloci.

Tutti i software sopra citati sono gratuitamente scaricabili dal sito del produttore, è inoltre possibile scaricarli in un CD Live dal sito del progetto EduBuntu.

Dalla prossima settimana ci occuperemo di analizzare uno ad uno i software con specifico riferimento alle competenze richieste, ai benefici apportati.

Consiglio di lettura:

Italo Tanoni, Videogiocando s’impara. Dal divertimento puro all’insegnamento apprendimento, Erickson, 2003

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS


Tags: ,


Informazioni Autore

Manager ICT di Padova, mi occupo, tra le altre cose, di formazione informatica in età scolastica. La curiosità mi porta a testare sempre nuove formule di insegnamento, cogliendo le opportunità tecnologiche che la nostra epoca ci regala!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑