Il Mondo di Cristina arte bambino

Pubblicato il Dicembre 7th, 2012 | di Il Mondo Di Cristina

0

Che Rapporto Esiste tra il Bambino e l’Arte?

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

arte bambino Come Associazione culturale, finalizzata allo sviluppo di ogni forma artistica nel mondo del bambino e dalle ricerche che abbiamo effettuato, ci sentiamo di illustrare alcuni interventi critici di studiosi che negli anni hanno sviluppato il loro interesse verso la scoperta della personalità infantile distinguendola nettamente da quella dell’adulto.

Il primo storico d’arte ad avere realizzato come il bambino esprime l’arte nel disegno fu Corrado Ricci. Mediante i suoi studi trasse la conclusione che, i disegni infantili, non si potevano definire espressioni artistiche, in quanto lo scopo del bambino era solamente quello di descrivere ciò che vedeva, ignaro degli aspetti tecnici, rendendo a suo modo rassomigliante un volto o la dimensione di un oggetto.

Riteneva che i disegni avessero il solo scopo di lasciare esprimere al bambino lo sviluppo intellettuale non curandosi del lato tecnicamente artistico che si riscontra invece nel maturare dell’età.

Non meno importante, fu un’altra ricerca, che si può definire meno scientifica e tecnica, ma altresì interessante ,sviluppata nel 1913 da George-Henry Liquet, il quale interpretò le creazioni della figlia deducendo che nell’esprimersi il bambino “copia il proprio modello interno e non l’oggetto che vuole descrivere ,usando la tecnica del disegno come modo di espressione”(..)

Negli ultimi anni ,infatti ,la creatività ha assunto un ruolo veramente importante nella crescita educativa del bambino.

Fondamentale è il ruolo dell’adulto che dovrà lasciare libera espressione ed altresì incrementare l’entusiasmo del piccolo “artista” che, attraverso vari strumenti e tecniche manuali, sperimenterà le sue capacità.

La nostra Associazione culturale, grazie anche a queste ricerche ,sa affrontare, nel contatto con i bambini, un interesse a 360 gradi verso il bisogno di libera espressione, limitando l’ intervento critico durante la loro manifestazione dell’essere.

Esiste poi, parallela all’arte creativa, l’arte più astratta…quella del “meravigliarsi”.

In questa fase, l’adulto, ricopre un ruolo fondamentale ;il suo compito è riuscire a trasmettere al piccolo “spettatore” emozioni, a volte contrastanti, che dovrà autonomamente elaborare e che serviranno al suo processo evolutivo.

Come possiamo trasmettere l’arte ai bambini?

In molteplici modi e forme.

Un esempio è la partecipazione attiva ed emotiva del bambino di fronte al teatrino delle marionette: cosciente del fatto che dietro al pupazzo c’è comunque l’adulto che riproduce la sua voce, riuscendo a fondere le due cose immedesimandosi nel ruolo dei personaggi della fiaba e vivendola con entusiasmo.

Quindi si ritiene importante per loro ogni momento di naturale propensione verso le attività.

Quest’arte “primordiale” aspetta soltanto di essere sviluppata a seconda, naturalmente, delle inclinazioni personali del bambino

Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS


Tags:


Informazioni Autore

Il Mondo Di Cristina

L’Associazione culturale no profit “Il Mondo Di Cristina”, fondata da  Ravarotto  Federica, Ravarotto Loredana e Debora Fasan, nasce dall’esigenza di trasmettere l’arte, in ogni sua forma, ai bambini. Attualmente vengono proposte attività di vario genere : dal “truccabimbi” all’intrattenimento ludico tramite baby-dance, giochi e palloncini, ai vari servizi fotografici. Cristina, da cui l’Associazione ha preso il nome, è un’amica comune, purtroppo mancata, che racchiudeva in sé l’arte nella sua completezza.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑